STORIA DEL CANARINO 
 
 
                                  Il Canarino domestico ha origine dal canarino selvatico, "Serinus canarius".   
                                 I canarini, come tutti gli uccelli  discendono dai rettili e di questi ultimi hanno conservato  
                                 alcuni aspetti strutturali, come le squame delle zampe, e comportamentali,  
                                 come la deposizione delle uova. Il più antico antenato degli uccelli di  
                                 cui è stata trovata traccia si chiama Archaeopterix  
                                 Esso aveva gli arti superiori muniti di mani che gli consentivano  
                                 di arrampicarsi sugli alberi e tutto il corpo ricoperto di penne;  
                                 sicuramente era in grado di compiere brevi voli plananti, ma non era in  
                                 grado di esercitare il volo così come gli attuali uccelli. Nel corso dei  
                                 secoli gli antenati dell'Archaeopterix hanno  
                                 adattato sempre più la loro struttura in funzione del volo e della  
                                 situazione ambientale in cui vivevano, sino a giungere ai giorni d'oggi  
                                 con i colori e le forme attualmente presenti in natura.Il canarino  
                                 selvatico vive e si riproduce nelle cinque isole occidentali  
                                 dell'arcipelago delle Canarie  
      
                                                
 
 
 
 
                            Nel 1402 gli spagnoli conquistarono le isole Canarie e poiché non  
                                  trovarono in quei luoghi alcun tipo di giacimento (oro, argento, diamanti,  
                                 carbone, etc.) si dedicarono, tra l'altro, alla cattura ed al commercio  
                                 del canarino, animale di cui conobbero le qualità grazie agli indigeni di  
                                 quelle isole che lo detenevano in gabbie di legno per ascoltarne il canto.  
                                 Nel giro di pochi anni tale commercio si diffuse in tutta Europa e  
                                 particolarmente in Francia, Olanda ed Inghilterra, dove i canarini furono  
                                 molto apprezzati per il loro canto armonioso, la facilità di riprodursi in  
                                 cattività, il carattere gioioso. Questi graziosi e canterini uccelli erano  
                                 tanto richiesti al punto che il loro valore raggiunse cifre che solo i  
                                 ricchi potevano permettersi di spendere. Successivamente furono  
                                 selezionati ed ibridati con altri uccelli al fine di ottenere una vasta  
                                 gamma di colori e forme. Oggi il canarino, con le sue numerose razze, è il  
                                 volatile da gabbia più diffuso nel mondo.  
 
 
                                                                               
                         
 
                        Esiste anche una storia sulla diffusione del canarino nel vecchio continente . 
                                  La leggenda vuole che un vascello spagnolo carico di canarini, naufragasse al largo                                                                                                                 dell'Isola d'Elba e che gli uccelli liberati, dalla distruzione delle gabbie' prendessero il                           
                                 volo, alcuni verso la costa italiana della Toscana, altri verso l'Isola d'Elba e le coste della                          
                                 Provenza. Alcuni di questi uccelli, maschi e femmine, furono catturati; altri si ambientarono in questi luoghi. 
 
 
                                             
                                                  
    HOME